Crea sito

Il “nuovo” commissario del Parco della Sila chiarisca la posizione del direttore Laudati

Il “nuovo” commissario del Parco della Sila chiarisca la posizione del direttore Laudati

ferrari

Sonia Ferrari è stata confermata commissario del Parco nazionale della Sila. Ora ci dica se il direttore, Michele Laudati, ha preso quei 900 mila euro legittimamente oppure no.

di Dalila NESCI

Il rinnovo dell’incarico di commissario del Parco nazionale della Sila a Sonia Ferrari rappresenta un’occasione d’oro perché la stessa risponda senza più indugi al dubbio di fondo sul direttore, Michele Laudati, che per il Corriere della Sera fu dichiarato totalmente inabile al lavoro e poi comunque collocato al vertice dell’ente. Lo affermiamo con Nicola Morra, Paolo Parentela e Federica Dieni.

Sulla vicenda abbiamo già presentato un esposto alla Corte dei conti e alla procura, interrogando il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, che si è comunque assunto l’onere di confermare la professoressa Ferrari quale commissario straordinario per altri sei mesi.

Adesso, per rispetto verso tutti, a partire dai cittadini, il commissario del Parco nazionale della Sila chiarisca una volta per sempre se Laudati è abile o inabile alla direzione, visto che con lui ha sottoscritto i contratti che dal 2006 a oggi lo vedono a capo dell’ente, con un compenso di almeno 100 mila euro all’anno.

Per esigenze di trasparenza e credibilità, è indispensabile che Sonia Ferrari rompa il silenzio sulla specifica questione, che non è affatto secondaria, benché inspiegabilmente ignorata.

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo
Caricando...
Vai alla barra degli strumenti