Crea sito

Un futuro verde è possibile

Un futuro verde è possibile di Sara Cunial – Oggi alla Camera dei Deputati, si è svolta la conferenza stampa con Pawan Kumar Chamling, Primo Ministro dello stato indiano del Sikkim, che More »

L’inquinamento da Pfas è un crimine ambientale

L’inquinamento da Pfas è un crimine ambientale Questo pomeriggio, durante l’inaugurazione di un monumento posizionato in prossimità della Miteni di Trissino, climber di Greenpeace hanno aperto due banner con scritto “Bonifica subito” More »

Basta furbi alle urne: da oggi elezioni pulite

  Basta furbi alle urne: da oggi elezioni pulite di MoVimento 5 Stelle ore 12:06 La democrazia ha bisogno di elezioni pulite. Con la legge appena approvata alla Camera, ci siamo impegnati More »

L’UE scelga il cambiamento e dica SÌ all’accesso all’acqua come diritto universale

  L’UE scelga il cambiamento e dica SÌ all’accesso all’acqua come diritto universale di MoVimento 5 Stelle ore 10:10 Il blog delle stelle   di Eleonora Evi, Efdd – Movimento 5 Stelle More »

Tutto quello che c’è da sapere sulla manovra del popolo (e che non troverete sui giornali)

  Tutto quello che c’è da sapere sulla manovra del popolo (e che non troverete sui giornali) di Luigi Di Maio ore 17:05 Il blog delle stelle   di Luigi Di Maio More »

La repressione non serve, confrontarsi con gli studenti sì

  La repressione non serve, confrontarsi con gli studenti sì di Luigi Di Maio ore 10:15 Il blog delle stelle   di Luigi Di Maio Ieri due ragazze di 17 e 18 More »

Le balle della renzianissima Morani sugli F35

  Le balle della renzianissima Morani sugli F35 di MoVimento 5 Stelle ore 10:18 Il blog delle stelle   Sugli F35 abbiamo smascherato ancora una volta le bugie del Partito Democratico. I More »

I baby pensionati d’oro che difendono la Fornero

  I baby pensionati d’oro che difendono la Fornero di MoVimento 5 Stelle ore 12:36 Il commento di Mario Giordano, La Verità La cosa che mi stupisce in questo dibattito sulle pensioni More »

Tajani è isolato dal mondo

  Tajani è isolato dal mondo di Luigi Di Maio ore 15:58 Il commento   di Luigi Di Maio Tajani dice che l’Italia è isolata in Europa, in realtà è lui che More »

Il Reddito di cittadinanza fa impazzire le caste. E i giornali producono fake news

  Il Reddito di cittadinanza fa impazzire le caste. E i giornali producono fake news di MoVimento 5 Stelle Il Reddito di Cittadinanza è la misura che il MoVimento 5 Stelle porta More »

Daily Archives: novembre 11, 2017

Per battere il MoVimento 5 Stelle in Sicilia hanno barato?

Il Blog delle Stelle

 
 

Dopo il voto in Sicilia, come avevamo preannunciato, si sta delineando uno scenario inquietante. Oggi hanno indagato Edy Tamajo per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale (ossia compravendita di voti a 25 euro l’uno). Stiamo parlando di 14.000 voti che hanno fatto di Tamajo il candidato più votato a Palermo. Inoltre Tamajo, eletto in passato con Grande Sud di Gianfraco Micciché, si sarebbe fatto notare perché caldeggiava il voto disgiunto per Musumeci e su whatsapp giravano i santini che indicavano la preferenza per lui e Musumeci.

E’ gravissimo. Anche perchè arriva dopo l’arresto di De Luca e dopo la denuncia sulle preferenze di Sammartino che sarebbero state ottenute con anziani interdetti portati a votare senza il consenso dei familiari. I voti degli impresentabili a queste elezioni sono stati 100.000, adesso iniziano ad esserci indagini su come questi voti siano stati acquisiti. La vittoria di Musumeci è sicuramente contaminata, ma ora emerge la probabilità che il risultato elettorale sia stato falsato dalla compravendita di voti e ancora non sappiamo quanto questa pratica sia stata diffusa. Secondo la stampa, infatti, quello di Tamajo potrebbe non essere l’ultimo scandalo. Se per batterci hanno barato in questo modo vuol dire che non gli è rimasta più alcuna arma lecita da utilizzare.

Spero che la magistratura faccia chiarezza al più presto e spero anche che i media nazionali si sveglino e inizino a raccontare quello che è successo durante le regionali siciliane, anche a causa del loro silenzio complice. Presto scriverò un’altra lettera all’OSCE dove racconterò gli scandali che si stanno scoprendo in questi giorni, il fondamentale ruolo di impresentabili arrestati e condannati come portatori di voto a Musumeci e il comportamento dei media che ha influito negativamente sull’affluenza alle urne e sulla scarsa sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema degli impresentabili. Chiederò loro che vengano al più presto in Sicilia per monitorare fin da subito tutti i movimenti in vista delle politiche e che monitorino il voto delle politiche del 2018 nella nostra Regione. Non possono continuare a farla franca.

Negli Stati Uniti per portare l’Italia

Il Blog delle Stelle

 
 

di Luigi Di Maio

Ciao a tutti! Vi aggiorno un po’ sui miei prossimi appuntamenti perchè adesso, dopo il voto in Sicilia, siamo già al lavoro per preparare la campagna delle politiche che si svolgeranno ormai tra pochi mesi. Oggi sono a Roma per alcuni impegni, domani sarò a Milano per partecipare alla trasmissione di Fabio Fazio su RAI1 alle 21 e poi lunedì mattina all’alba partirò per gli Stati Uniti.

Andrò a Washington e ci andrò in qualità di vicepresidente della camera e di candidato premier della prima forza politica in Italia a raccontare il MoVimento 5 Stelle, il mio progetto di governo e le prospettive. Gli Stati Uniti sono il principale alleato italiano, i rapporti commerciali sono strettissimi e sono numerose le eccellenze italiane che negli Stati Uniti contribuiscono allo sviluppo della ricerca internazionale e dell’economia mondiale. Ho principalmente due obiettivi e due messaggi che voglio dare:
1. Ci descrivono come anti-politica, ma noi siamo un’altra politica.
2. Grazie alle nostre eccellenze, grazie per la nobile immagine dell’Italia che danno nel mondo.

Arriverò lunedì negli States e dopo aver incontrato il nostro ambasciatore, l’indomani, svolgerò gran parte degli incontri previsti in agenda. I primi incontri saranno al Dipartimento di Stato USA con responsabili rapporti con Europa. Dopo di che farò visita al Congresso, che è l’organo legislativo, dove vedrò diversi esponenti sia repubblicani che democratici della Commissione Affari Esteri della Camera.
La mia giornata si concluderà con una tavola rotonda insieme ad alcuni esponenti italiani della ricerca biomedica: le nostre eccellenze, nel mondo, che ogni giorno contribuiscono con competenza e qualità allo sviluppo della ricerca internazionale.

Infine avrò altri incontri informali con altrettanti esponenti italiani del mondo economico e finanziario statunitense.

Questo è quello che farò nei miei tre giorni negli Stati Uniti: conoscere da vicino le nostre eccellenze, ringraziarle per restituire al mondo, grazie al loro duro lavoro, un’immagine nobile e competitiva del nostro Paese; spendermi per stabilire una forte relazione con l’universo politico, economico e commerciale Usa che guarda con interesse verso l’Italia, discutendo di settori strategici ed innovativi.

Insomma, vado negli Usa a portare l’Italia, a parlare anche dei nostri prodotti, del made in Italy, delle nostre forze, delle opportunità di crescita per le nostre imprese e per i nostri studenti. Sarà un viaggio all’insegna dell’innovazione e della produzione italiana e ve lo racconterò, di giorno in giorno, perché possiate sentirvi al mio fianco e guardare con i miei stessi occhi.

Scopri se hai pagato più del dovuto la tassa sui rifiuti (TARI)

Il Blog delle Stelle

 
Scopri se hai pagato più del dovuto la tassa sui rifiuti (TARI)

Scopri se hai pagato più del dovuto la tassa sui rifiuti (TARI)

di Giuseppe L’Abbate, portavoce MoVimento 5 Stelle alla Camera

Ad ottobre 2016 ho presentato una interrogazione parlamentare per sollevare il problema dell’errato calcolo della “quota variabile” della Tari, la tassa sui rifiuti. La Tari, infatti, si compone di due quote: una fissa, in funzione dei metri quadri degli immobili, e una variabile che dovrebbe cambiare in funzione del quantitativo reale di rifiuti prodotto ma che, in mancanza di strumentazioni adeguate, i Comuni calcolano in rapporto ai componenti dell’utenza.

Quel che è accaduto è che, per quanto concerne le pertinenze (ovvero i garage, i box, le cantine, le mansarde, le soffitte, etc..), tanti Comuni hanno inserito nel conteggio anche la quota variabile per ognuna di esse: quindi una famiglia composta da 4 persone diveniva magicamente di 5 se possedeva un box, di 6 se deteneva anche una cantina, di 7 se vi era anche una soffitta nella propria utenza domestica. Basta un esempio, preso da una bolletta di un contribuente a far comprendere la portata dei possibili rimborsi: circa 70 euro l’anno pagati ingiustamente dal 2014, in pratica quasi 300 euro totali! Un errore sollevato anche da Il Sole 24 ORE ma che ha avuto un chiarimento solamente dopo la risposta alla mia interrogazione data dal sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta.

Per verificare se nel tuo Comune la Tari è stata calcolata in maniera errata ti basterà, pertanto, prendere una bolletta della tassa rifiuti e controllare se oltre all’utenza “domestica” principale sono presenti altre voci “domestica – accessorio” e se è presente il valore “tariffa variabile”. Qualunque cifra riportata è, dunque, ILLEGITTIMA.

Per fare ricorso, sarà sufficiente protocollare o inviare per raccomandata a/r, al Comune che ti ha richiesto il pagamento in eccesso in questi anni, un modulo con la copia delle bollette pagate ingiustamente. Trascorsi 90 giorni, se non si è ottenuta risposta o se è stato esplicitato un diniego, puoi fare ricorso alla Commissione tributaria locale.

Qui trovi il MODULO FAC-SIMILE da presentare al tuo Comune. Se non ci riesci, inviami la tua bolletta in privato e ti risponderò appena possibile!

Intanto, per trovare tutti i materiali e fare i dovuti approfondimenti leggi qui:
Per la Tari i cittadini pagano più del dovuto
Il Governo boccia i Comuni sul calcolo della Tari
L’errato calcolo della Tari
Scopri quanto hai pagato in più di Tari

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo
Caricando...
Vai alla barra degli strumenti