Crea sito

Pedonalizziamo Roma

  Pedonalizziamo Roma     di Virginia Raggi Questa domenica alcune strade di Roma si trasformeranno in piccole isole pedonali. Al via le pedonalizzazioni temporanee in diversi Municipi. Un’occasione di festa per More »

Più Democrazia diretta in Europa e in Italia + diretta streaming alle 19:30 +

Più Democrazia diretta in Europa e in Italia + diretta streaming alle 19:30 +   + Democrazia Diretta: come la partecipazione attiva dei cittadini sta già cambiando l’Italia e l’Europa. È questo More »

Liberiamoci delle zavorre: l’Italia deve volare alto!

  Liberiamoci delle zavorre: l’Italia deve volare alto! di Luigi Di Maio     di Luigi Di Maio Questi sono giorni in cui stiamo capendo quanto questo Paese sia zavorrato. I vecchi More »

Turismo2030: come sarà il turismo del futuro

  Turismo2030: come sarà il turismo del futuro     di MoVimento 5 Stelle Appuntamento mercoledì, 20 dicembre, alle ore 9, a Milano, presso la Fondazione Stelline in Corso Magenta, 61, per More »

Bancopoli è appena iniziata

  Bancopoli è appena iniziata Scarica il volantino! di MoVimento 5 Stelle Adesso, in questa settimana o poco più, si andrà avanti a tamburo battente, audizione dopo audizione, anche se il tempo More »

#5giornia5stelle 146° puntata, 15 dicembre 2017

#5giornia5stelle 146° puntata, 15 dicembre 2017   Il biotestamento è legge dello Stato. Ancora una volta una buona legge, una delle poche di questa 17a legislatura,porta la firma del MoVimento 5 Stelle, More »

Chi vuole il Fiscal Compact?

Chi vuole il Fiscal Compact?   Oggi, nel silenzio generale di tutti i media italiani, si tiene uno dei più importanti consigli europei degli ultimi 5 anni. I capi di Stato discuteranno More »

Biotestamento: legge di civiltà e storica vittoria

  Biotestamento: legge di civiltà e storica vittoria     di MoVimento 5 Stelle Oggi il Senato ha approvato in via definitiva la legge sul testamento biologico. Questa è davvero una giornata More »

Il futuro dell’Italia con il MoVimento 5 Stelle al governo

  Il futuro dell’Italia con il MoVimento 5 Stelle al governo di MoVimento 5 Stelle Preparate i maglioni, prendete le coperte più pesanti che avete, iniziate a equipaggiarvi. L’inverno sta arrivando. Ma More »

Su #Bancopoli cade la seconda Repubblica

  Su #Bancopoli cade la seconda Repubblica di Luigi Di Maio di Luigi Di Maio Oggi è successa una cosa gravissima nella commissione d’inchiesta sulle banche. A circa una settimana dalla fine More »

Daily Archives: novembre 1, 2017

Lettera aperta al Presidente della Repubblica Mattarella

Il Blog delle Stelle

 
Lettera aperta al Presidente della Repubblica Mattarella

Lettera aperta al Presidente della Repubblica Mattarella

di MoVimento 5 Stelle

Illustre Signor Presidente,
siamo qui a chiederLe un particolare momento di riflessione sul delicato vaglio che in base alle Sue attribuzioni è chiamato a svolgere: la promulgazione di una legge fondamentale per la democrazia come la legge elettorale.

È proprio in ragione della speciale importanza di questo passaggio che intendiamo sottoporre alla sua riflessione una serie di argomenti di ordine squisitamente tecnico che mostrano chiaramente e palesemente che le evidenti storture (sia formali, che sostanziali) attinenti alla fondamentale legge in questione non sono – come qualcuno afferma – di lieve impatto, ma possono avere un effetto dirompente sulla nostra democrazia e sulle nostre istituzioni.

Questo vale sia per i contenuti della legge che per le sue modalità di approvazione. Per quanto riguarda queste ultime, oltre agli argomenti tecnici che spiegheremo diffusamente, ci preme ricordare il giudizio della seconda carica dello Stato, che non è espressione della nostra parte politica e che del Presidente della Repubblica è il supplente: si è trattato di un atto di violenza istituzionale.

La nostra richiesta, tuttavia, si arricchisce ulteriormente di una ragione contingente e concreta: in assenza del Suo intervento, si rischia che anche il prossimo Parlamento sia eletto con una legge che la Corte costituzionale potrebbe dichiarare illegittima. Per questo motivo riteniamo del tutto inappropriata la posizione di chi sostiene che per il giudizio sulla legge si possa serenamente attendere la pronuncia della Consulta, che invece arriverà troppo tardi.

Certi della sensibilità che Lei saprà mostrare alla luce di queste particolari circostanze, per le quali la richiesta che qui rispettosamente formuliamo non apparirà come un tentativo di ingerirsi nelle Sue prerogative ma come l’unica concreta possibilità per evitare la catastrofe istituzionale di un nuovo Parlamento eletto con una legge illegittima, è proprio con lo scopo di cooperare con Lei che ci siamo sentiti in dovere di indirizzarLe questa missiva e nello stesso spirito attendiamo le Sue determinazioni.

Con rispetto,

La lettera che si allega tocca i seguenti punti:
A) Rilievi che attengono alla costituzionalità del procedimento legislativo impiegato:
1. Correzione di un errore formale dopo l’approvazione del testo in violazione del principio di esercizio collettivo della funzione legislativa da parte delle Camere (art. 70 Cost.).
2. Reiterata posizione della questione di fiducia in violazione del principio dello svolgimento della procedura legislativa “normale” in materia elettorale (art. 72, c. 4, Cost.).
3. Mancato svolgimento di un reale esame referente in violazione del principio dello svolgimento della procedura legislativa “normale” in materia elettorale (art. 72, cc. 1 e 4, Cost.).

B) Rilievi che evidenziano alcuni vizi di costituzionalità relativi al contenuto della legge approvata:
1. Mancanza dello “scorporo” in violazione del principio di uguaglianza del voto (artt. 3 e 48 Cost.).
2. Mancanza del “voto disgiunto” in violazione del principio di uguaglianza del voto (art. 3 e 48 Cost.).
3. Trasmissione del voto per il candidato uninominale alle liste che lo appoggiano in violazione dei principi del voto eguale, libero, personale e diretto (artt. 3, 48 e 56 Cost.).
4. Trasmissione del voto dalle liste tra l’1 e il 3% a favore delle liste della coalizione cui appartengono che abbia superato lo sbarramento in violazione dei principi del voto eguale, libero, personale e diretto (artt. 3, 48 e 56 Cost.).
5. Slittamento dei seggi da un collegio plurinominale all’altro (art. 56 Cost. e degli artt. 3 e 48 Cost.)
6. Trasposizione dei seggi dai livelli superiori ai collegi plurinominali e violazione della giurisprudenza costituzionale in tema di ammissibilità delle liste bloccate (sentenze 1/2014 e 35/2017), nonché del principio del voto libero e personale (art. 48 Cost.).
7. Irrazionalità dei criteri di individuazione dei candidati da proclamare in caso di esaurimento delle liste (art. 3 Cost.).
8. Pluricandidature e violazione della giurisprudenza costituzionale in materia di conoscibilità dei candidati (art. 48 Cost.).
9. Disposizioni speciali relative al Trentino-Alto Adige/Südtirol che violano il principio di uguaglianza e il principio di tutela delle minoranze linguistiche.
10. Violazioni relative alle disposizioni relative alla della delega legislativa (artt. 1 e 3 Cost.).
11. Presenza di soglie nazionali al Senato (art. 57 Cost.).

>>> SCARICA LA VERSIONE INTEGRALE DELLA LETTERA A MATTARELLA <<<

Diventerà bellissima con due condannati

Il Blog delle Stelle

 
Diventerà bellissima con due condannati

Diventerà bellissima con due condannati

Dopo Ernesto Calogero, un altro impresentabile condannato nella lista personale di Musumeci. Mancano ancora quattro giorni, vediamo che altro Musumeci apprenderà dai giornali. Vergogna!

di Ignazio De Luca

E SONO DUE. Due condannati definitivi in Diventerá Bellissima. Ernesto Calogero e Giuseppe Zitelli.
Con la mano protesa quasi a dire basta condannati nella lista Diventerà Bellissima, l’onesto Nello Musumeci, non si raccapezza più.
Onesto, perché si vanta in una comunicazione elettorale di aver gestito decine di milioni senza ricevere avvisi di garanzia
Come se per un politico non rubare fosse l’eccezione e non la normalità.
Da Lucia Annunziata ha asserito d’aver appreso dai giornali di condannati e impresentabili. In ossequio a quanto aveva dichiarato domenica 29 ottobre, il preistorico Presidente della Provincia di Catania, Laspiapress lo informa… che…
Laspiapress, infatti, lo informa che dopo Ernesto Calogero, in Diventerà Bellissima è candidato un altro condannato definitivo, Giuseppe Zitelli.
Giuseppe Zitelli, in foto di copertina, ex vice sindaco di Belpasso, è stato condannato dalla Corte dei Conti, per la gettonnopoli della Provincia Regionale, quando siedeva nei banchi di quel Consiglio.

Giuseppe Zitelli, condannato a risarcire euro 3.108,91, oltre spese legali e di giustizia, “spese non pertinenti all’attività di consigliere: calendari, agende, biglietti d’auguri, cene, biglietti d’ingresso a teatro, libri, magliette, coppe, calze della befana, affitto di pullman.
Per i magistrati, acquisti che «non rivestivano il carattere della necessarietà per il funzionamento degli organismi consiliari, anzi appaiono caratterizzate dall’evidente intento dell’esponente politico di acquisire rilievo presso la comunità di riferimento e curare i rapporti con il proprio elettorato” ( yvii24.it)
Ecco l’onesto Musumeci, non ha mai rubato da amministratore della Cosa Pubblica.
Per questo, forse, ritiene che l’entita del danno erariale: euro 890 per Calogero e 3.100 per Zitelli, sia talmente esiguo da non tenere in considerazione?
Magari, invece, non sarà un aggravante? Se si rubano piccole somme, figurarsi quando c’è da scialacquare col denaro pubblico!
Per quanto sopra si spera che Nello Musumeci eviterà di arrotolarci, ulteriormente, i cabbasisi con la sua supponente superiorità di politico “ Libero”.
Libero da chi ? E di che?

Chiudiamo l’articolocon un esortazione tutta Catanese.

Musumeci “ocucchiti”!
CANCELLERI PRESIDENTE. GIANCARLO SUBITO.

Sicilia: meno 4 al voto. Abbiamo bisogno di voi!

Sicilia: meno 4 al voto. Abbiamo bisogno di voi!

dimacancelakjbai.jpg

di Luigi Di Maio

Queste elezioni regionali in Sicilia le hanno nascoste finchè potevano, poi hanno scoperto che Giancarlo Cancelleri e la sua lista di 62 candidati avevano superato la mega coalizione di impresentabili di centrodestra e così hanno deciso che devono distruggerci in un modo o in un altro. E forse ci riusciranno.

Oggi Repubblica dà del mafioso ad un nostro candidato che non c’entra nulla con le cose raccontate. Ormai che sia menzogna o verità non fa più differenza.

Noi non possiamo fronteggiare questo attacco mediatico da soli. Non potete pensare che si possa tenere testa ad una tale aggressione nei confronti del Movimento 5 Stelle solo mandandoci nei talk o girando con un pullmino per le piazze siciliane. Non potete pensare di lasciare tutto sulle spalle mie, di Giancarlo e di qualche altro portavoce che sta girando la Sicilia per raccontare cosa vogliamo fare in questa isola. La sproporzione tra il valore delle notizie o delle menzogne e l’attacco è evidente. Abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Vi chiedo di parlare a quanti più siciliani possibile in questi ultimi tre giorni. Ce ne sono tanti nelle vostre regioni, che vivono lontano dalla Sicilia. Ditegli di andare a votare o di far andare i loro amici e parenti rimasti in terra sicula. Raggiungete sui social tutti i siciliani che conoscete. Se siete in Sicilia ogni giorno datevi l’obiettivo di raggiungere almeno 100 persone. Decideranno loro chi votare, ma ditegli di andare a votare, in Sicilia c’è una emergenza legalità che possiamo arginare solo con l’affluenza ai seggi.

Questa è una occasione irripetibile per la Sicilia. Mettiamocela tutta. Fino allo sfinimento. Il 6 novembre non dovremo avere alcun rimorso.

Adottate gli astensionisti e portateli ai seggi.
Ce la possiamo fare solo se ci starete vicino.

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo
Caricando...
Vai alla barra degli strumenti