Crea sito

Indennità compensativa in agricoltura, chiediamo conto a governatore Oliverio

Indennità compensativa in agricoltura, chiediamo conto a governatore Oliverio La Regione Calabria sta avendo comportamenti che penalizzano molto i piccoli agricoltori, come ha già denunciato l’Anpa a proposito dell’indennità compensativa, peraltro rilevando More »

L’Europa finanzia la nostra idea di blockchain per l’energia e per uscire dal carbone

L’Europa finanzia la nostra idea di blockchain per l’energia e per uscire dal carbone   di Dario Tamburrano, EFDD – M5S Europa Una piccola rivoluzione energetica che verrà finanziata dall’Europa tramite un More »

Se le cose cambieranno sarà anche grazie a Gianroberto

  Se le cose cambieranno sarà anche grazie a Gianroberto di Luigi Di Maio   Oggi è stata una giornata intensa, caratterizzata dalla seconda consultazione con il Presidente della Repubblica. Avete visto More »

Giorgio Trizzino vice presidente della Commissione Speciale alla Camera dei Deputati

  Giorgio Trizzino vice presidente della Commissione Speciale alla Camera dei Deputati   di Giorgio Trizzino, portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera Sono stato eletto vice presidente della Commissione Speciale alla More »

Come nacquero i vitalizi (e come scompariranno)

  Come nacquero i vitalizi (e come scompariranno) di Riccardo Fraccaro   In pochi sanno che i vitalizi sono stati introdotti in gran segreto, con una riunione riservata tra i deputati dei More »

L’incarico scientifico al prof. Giacinto Della Cananea

  L’incarico scientifico al prof. Giacinto Della Cananea di Luigi Di Maio Oggi ho conferito ufficialmente al prof. Giacinto Della Cananea l’incarico di esaminare i programmi ufficiali elettorali che sono stati presentati More »

Grazie Adriano

  Grazie Adriano di Davide Casaleggio É incredibile pensare a come alcune persone lascino il segno per così tanti anni dopo la propria morte. Oggi dopo 117 anni dalla nascita di Adriano More »

L’intervento di Luigi Di Maio al Quirinale

  L’intervento di Luigi Di Maio al Quirinale     La dichiarazione di Luigi Di Maio al Quirinale a seguito del secondo giro di consultazioni con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella More »

Nell’isola di spazzatura del Pacifico ci sono 250 pezzi di plastica per ogni essere umano

Nell’isola di spazzatura del Pacifico ci sono 250 pezzi di plastica per ogni essere umano   di Piernicola Pedicini, EFDD – M5S Europa Di fronte al Parlamento europeo ha aperto le porte More »

Veicoli pesanti: al via nuove regole su emissioni e consumo di carburante

Veicoli pesanti: al via nuove regole su emissioni e consumo di carburante   di Eleonora Evi, EFDD – M5S Europa Si è concluso in modo positivo il negoziato che ha definito il More »

Daily Archives: ottobre 12, 2017

#PacificamenteARoma – Il vero Parlamento sta da questa parte

Il Blog delle Stelle

 

#PacificamenteARoma - Il vero Parlamento sta da questa parte

##PacificamenteARoma – Il vero Parlamento sta da questa parte

 


di MoVimento 5 Stelle

Ci siamo. Da ieri alle 13.30 siamo in piazza a Montecitorio mentre in aula stanno approvando una delle più grosse porcate degli ultimi anni, una legge elettorale addirittura peggiore del Porcellum. I nostri portavoce sono in aula, a tenere il fiato sul collo di questi politici falliti, dobbiamo far sentire tutto il nostro sostegno.

E’ un momento fondamentale per la vita del Paese ed è importante esserci per poter dire domani di essere stati dalla parte giusta della storia. A partire dalle 17.30 ci saranno le dichiarazioni di voto. A breve arriverà Virginia Raggi, che ha trovato spazio fra i suoi impegni amministrativi, perché è troppo importante essere uniti oggi e farci sentire. Anche Beppe sarà in piazza per salutare tutti e darci il suo abbraccio.
Ora più che mai c’è bisogno di tutti i cittadini liberi, pronti a far sentire la propria voce! Tutti #PacificamenteARoma

Pd-Mpd: verso il ‘tana libera tutti’

Il Blog delle Stelle

 
Pd-Mpd: verso il 'tana libera tutti'

Pd-Mpd: verso il ‘tana libera tutti’

di MoVimento 5 Stelle

Occhio perché potremmo assistere a un do ut des non dichiarato nel centrosinistra (tra Pd e Mdp) che coinvolge da una parte la legge elettorale (in discussione alla Camera) e dall’altra il “tana libera tutti” contenuto nella riforma delle agenzie fiscali (che si vota al Senato).

Queste ultime rappresentano il core business degli scissionisti Bersani e D’Alema che storicamente le controllano attraverso i “Visco-boys” (uomini molto vicini all’ex ministro delle Finanze Vincenzo Visco, bersaniano di ferro). In pratica, con la riforma si preparano a mettere il lupo a sorvegliare il gregge.

Avete presente, infatti, i dirigenti del Fisco? Quelli che esigono e riscuotono le tasse dei cittadini, che li vessano con esosi interessi, sanzioni e odiosi aggi? Coloro che ci massacrano con la vecchia Equitalia mascherata dietro le nuove insegne di Agenzia delle entrate riscossione?

Ebbene, i ministri Padoan (anche lui un tempo molto vicino a D’Alema) e Madia hanno stabilito poco prima dell’estate che alle prove concorsuali per la dirigenza delle strategiche agenzie fiscali, Entrate e Dogane in testa, potranno partecipare “coloro che abbiano riportato sentenze penali di condanna ancorché non passate in giudicato o di patteggiamento, diverse da quelle per le quali è ammesso il beneficio della sospensione condizionale della pena”.

Via libera a chi si è macchiato di reati contro il patrimonio, condotte corruttive, peculato o malversazioni di varia natura. Un premio per chi insabbia le cartelle o rallenta gli accertamenti in favore dei soliti amichetti. Ma un sostanziale via libera anche per chi è colpevole di gravi crimini diversi da quelli tipici dei colletti bianchi, la rapina ad esempio.

In tutti questi casi l’agenzia che bandisce il concorso può escludere il candidato condannato per reati contro la Pa, ma rimane una facoltà del tutto discrezionale. Mentre restano fuori solo coloro che abbiano ricevuto la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici.

Il passaggio citato, scovato dal MoVimento 5 Stelle, è l’articolo 2 comma 6 del decreto interministeriale del Tesoro e della Funzione pubblica del 6 giugno scorso. Testo che prepara il terreno, se l’operazione dovesse andare in porto, all’occupazione, alla grande spartizione dei partiti, al controllo clientelare delle agenzie fiscali. Strutture strategiche che nel frattempo, con la riforma in discussione al Senato e su cui si accelera in queste ultime ore, rischiano di uscire dal perimetro della Pubblica amministrazione.

La politica ha infatti deciso di distorcere le raccomandazioni arrivate nel luglio 2016 da parte di Ocse e Fmi che chiedono soltanto più autonomia per questi enti. Mentre i partiti puntano a trasformarli in un far west fatto apposta per le scorribande dei potenti di turno. La nostra Carta fondamentale e l’obbligo di bandire concorsi equi per reclutare risorse nel settore pubblico rappresentano un intralcio. Non a caso, dopo la sentenza della Corte costituzionale del marzo 2015 che dichiarò illegittime le nomine di circa 800 dirigenti delle Entrate perché stabilite senza alcun concorso, i vertici delle agenzie le hanno tentate tutte per salvare le posizioni dei funzionari che in modo surrettizio facevano le veci dei dirigenti mancanti.

Stiamo ancora aspettando che venga celebrato un vero concorso, la manovra correttiva della primavera scorsa ha di nuovo prorogato al 30 giugno 2018 sia il termine per bandirlo sia la scadenza delle deleghe assegnate provvisoriamente ai funzionari. Ma intanto, sullo sfondo, si staglia la riforma che separerebbe definitivamente le agenzie fiscali dalla Pa e che, abbinata al decreto Padoan-Madia, consentirebbe alla politica di fare quello che le pare, senza più la scocciatura di dover rispettare la Costituzione.

Anche perché si prevede che possano aumentare fino al 20% i dirigenti nominati dall’esterno per la seconda fascia e fino al 15% quelli di prima fascia. Senza dimenticare che il testo interministeriale del giugno scorso riserva il 30% dei posti dei concorsi a chi è già in organico dentro le Entrate o le Dogane e prevede che l’esperienza lavorativa interna abbia un peso prevalente rispetto ai titoli.

Insomma, mentre i dirigenti che si sono macchiati di gravi reati aspettano di incassare il premio e con loro i funzionari promossi illecitamente (che continuano a fare il bello e cattivo tempo), la politica non molla la presa su articolazioni strategiche dello Stato, la cui efficienza nel frattempo cola a picco.

Il governo conta di coprire la prossima legge di bilancio con 5,1 miliardi di recupero di evasione, ma quest’ultima sottrae allo Stato una cifra che oscilla tra i 110 e i 180 miliardi e la Corte dei conti ci racconta che in Agenzia delle entrate gli accertamenti sono calati di oltre il 6% in sei anni, mentre le indagini finanziarie sono crollate dell’85% in quattro anni. Nel frattempo, il governo Renzi ha depenalizzato i reati tributari e le sanatorie si sono susseguite a ritmo incessante (due procedure di voluntary, rottamazione delle cartelle, etc…). Non solo: è grazie a una interpellanza del M5S che abbiamo scoperto il numero “monstre” di indagati alle Entrate soprattutto per reati legati alla corruzione. Parliamo di ben 340 persone dal primo gennaio 2014 al primo settembre 2017. Tutta gente a cui, scommettiamo, la riforma per l’autonomia degli enti fiscali non potrà che far piacere.

Mentre rischiamo di consegnare definitivamente (più di quanto già non accada) ai corrotti il nostro sistema tributario, lo stesso che manda sul lastrico anche tanti cittadini onesti, si consuma quindi lo scontro politico senza quartiere all’ombra del poltronificio delle agenzie fiscali.

Gli scissionisti del duo Bersani-D’Alema si nascondono dietro grandi battaglie ideali sulla povertà, sul lavoro precario o sugli investimenti. Ma in realtà contano su ben altre leve per mettere alle corde Renzi e il giglio magico. Tra i “Visco boys” c’è tanta gente che fa riferimento all’ex direttore delle Entrate, Massimo Romano. Persino Rossella Orlandi, pur nominata nell’era Renzi, viene da quel mondo lì. E infatti il segretario Pd l’ha fatta fuori per metterci un fedelissimo della prima ora come Ernesto Maria Ruffini. Dell’area politica di provenienza del ministro Padoan abbiamo detto. E il decreto sul via libera ai condannati nei concorsi porta in primis la sua firma.

Cosa ha da dire il premier Gentiloni? Vuole farsi passare sotto il naso questo scandalo come se nulla fosse? Oppure il via libera alla riforma delle agenzie fiscali che piace a Mdp serve ad ammorbidirli in vista dell’arrivo del Rosatellum bis in Senato?

EMERGENZA DEMOCRATICA!

EMERGENZA DEMOCRATICA!

 

Anche oggi #PacificamenteARoma in piazza Montecitorio

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo
Caricando...
Vai alla barra degli strumenti