Crea sito

NO all’ecodistretto di Castrovillari (CS)

NO all’ecodistretto di Castrovillari (CS)         L’Amministrazione del Comune di Castrovillari, in data 3 ottobre 2017, ha approvato in Consiglio comunale una Manifestazione di Interesse circa l’allocazione, sul proprio More »

Biotestamento: un diritto per il Paese, un dovere del Parlamento

  Biotestamento: un diritto per il Paese, un dovere del Parlamento di Silvia Giordano, portavoce MoVimento 5 Stelle Camera In questi anni io e i miei colleghi abbiamo affrontato tantissime battaglie, ma More »

Basilicata contaminata anche dal nucleare

  Basilicata contaminata anche dal nucleare di Vito Petrocelli e Gruppo Metapontino di Lavoro sul Nucleare Basilicata, una regione contaminata anche dal nucleare, come se estrazioni e rifiuti petroliferi non bastassero. Movimento More »

Aborti volontari: Abbiamo impedito un “regalo” a Igreco

Aborti volontari: Abbiamo impedito un “regalo” a Igreco Dopo il nostro intervento di ieri, l’Azienda ospedaliera di Cosenza ha revocato all’istante la delibera con cui aveva assegnato alla privata IGreco il servizio More »

Punto nascita di Vibo Valentia, ho chiesto interventi immediati

Punto nascita di Vibo Valentia, ho chiesto interventi immediati Non c’è un solo secondo da perdere davanti alle gravissime carenze denunciate dai dirigenti medici dell’Unità operativa di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Vibo Valentia. Per More »

Interruzione di gravidanza a Cosenza: Sospetta concessione a IGreco

Interruzione di gravidanza a Cosenza: Sospetta concessione a IGreco Ho chiesto gli atti di una strana delibera dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, con cui al gruppo IGreco è stato assegnato il servizio di More »

Replica articolo la Riviera

Replica articolo la Riviera Articolo ->> http://www.larivieraonline.com/sanit%C3%A0-lincontro-dei-sindaci-della-locride-prefettura-tra-assenze-e-presenze-ingiustificate REPLICA Ammetto, Gianluigi Scaffidi fu un agente speciale utilizzato per scopi segreti nell’ambito della guerra fredda. Mi è utile per obiettivi inconfessabili, avendo il medesimo More »

NEONATO MORTO A ROCCA DI NETO, INACCETTABILE

NEONATO MORTO A ROCCA DI NETO, INACCETTABILE Nel 2017 non può accadere una simile tragedia, che pone interrogativi molto seri sull’accompagnamento al parto in Calabria. Presenterò subito un’interrogazione parlamentare. È inquietante la More »

Basta con le discriminazioni delle donne sul lavoro: ecco la proposta di legge M5S

Basta con le discriminazioni delle donne sul lavoro: ecco la proposta di legge M5S   Quando si parla di lavoro e di differenze di genere spesso si sa soltanto che le donne More »

Gli imprenditori devono sapere che in Europa i partiti li tradiscono

Gli imprenditori devono sapere che in Europa i partiti li tradiscono   di Tiziana Beghin, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa. “Forza Italia e Partito Democratico votano al Parlamento europeo contro gli More »

Daily Archives: ottobre 11, 2017

L’Emergenza Democratica raccontata dai giornali stranieri

L’Emergenza Democratica raccontata dai giornali stranieri

5stelle_emergenzademocratica.png

La riforma della legge elettorale italiana fa il giro del mondo. Per il governo è una figura di … internazionale. Ecco le traduzioni degli articoli di alcuni giornali e agenzie. C’è da ridere…se non ci fosse di mezzo la democrazia in Italia.

Reuters

“Questa settimana i partiti storici italiani si sono uniti per sostenere una nuova legge elettorale che penalizzerebbe il MoVimento 5 stelle in vista delle elezioni nazionali del prossimo anno. Martedì, la Camera dei Deputati inizierà a votare la legge elettorale sostenuta dai principali partiti di destra e di sinistra del Paese. A differenza dell’attuale sistema, permetterebbe la formazione di ampie coalizioni prima del voto, un fattore estremamente dannoso per il MoVimento a 5 stelle che rifiuta a priori l’idea delle coalizioni. “L’unico obiettivo (di questa legge) è quello di spingere gli altri partiti a unirsi contro di noi”, ha dichiarato il parlamentare stellato Danilo Toninelli, il giorno dopo che il comitato parlamentare ha firmato la nuova proposta. Per i partiti tradizionali, continua Toninelli “la cosa importante è fermare i 5 stelle”.

Politico

“Il governo italiano ha emesso un ultimatum per quanto riguarda uno dei problemi politici storici del paese, ovvero la legge elettorale con la quale, l’anno prossimo, gli elettori sceglieranno il nuovo governo. Il governo di coalizione del primo ministro Paolo Gentiloni ha fissato per martedì un voto di fiducia sulla legge – una tattica spesso utilizzata per spingere le leggi attraverso l’intricato sistema del parlamento italiano. I legislatori voteranno mercoledì e giovedì, così ci dicono i media italiani. Questa mossa sostituisce un processo, che avrebbe visto una serie di voti segreti, con un singolo voto da cui dipenderà la sopravvivenza del governo. Se il voto passa, il governo e la legge sopravvivono: se no, entrambi falliscono. I parlamentari del movimento anti-establishment 5 stelle – che ha già criticato il sistema elettorale proposto definendolo come un complotto portato avanti per diminuire drasticamente il loro numero in parlamento – ha reagito con furia, dichiarando che il voto di fiducia è “un attacco alla democrazia e un’emergenza democratica” e promettendo di protestare contro questa legge scendendo in piazza”.

Voice of America

“Il governo italiano ha posto il voto di fiducia nella camera bassa del Parlamento per cercare di forzare fino alla fine una legge elettorale che andrà probabilmente a penalizzare il movimento anti establishment M5S. La nuova legge elettorale, che verrebbe utilizzata nelle prossime elezioni che si terranno entro maggio, è sostenuta dal partito al governo Pd, quello dell’ex premier Silvio Berlusconi e dal partito anti-migranti Lega Nord. Diversamente dalle regole attuali, il nuovo sistema, conosciuto come Rosatellum, permetterebbe la formazione di ampie coalizione prima del voto, un fattore che danneggia il dissidente M5S, che rifiuta di unirsi in alleanze. Il partito, in testa in molti sondaggi, dice che il Rosatellum potrebbe costare più di 50 seggi in Pafrlamento. Il M5S ha chiamato a protestare i cittadini, quando alla Camera si terranno due voti di fiducia. Un terzo voto è previsto per giovedì”.

Rosatellum: la truffa dei partiti contro i cittadini

Il Blog delle Stelle

 
Rosatellum: la truffa dei partiti contro i cittadini

Rosatellum: la truffa dei partiti contro i cittadini

 

di Danilo Toninelli

Vi ricordate il modello tedesco? Una legge costituzionale: senza pluricandidature né capolista bloccati o ammucchiate di partiti. Ricordate anche che venne affossata dal Pd dopo un voto che estendeva la legge anche al Trentino?
Il PD diede la responsabilità al M5S sostenendo che nel patto (ma quale patto?) Il Trentino non c’era.

Tenete a mente queste cose.

Ora il PD ha messo la fiducia sul Rosatellum. Una legge di nominati, pluricandidature e ammucchiate di partiti. In più, la possibilità per un pregiudicato per reati dolosi gravi di potersi candidare a capo politico.

Sapete quale è l’unico elemento che accomuna questo schifo di legge al tedesco?
Proprio la parte sul Trentino, quella per cui il PD ha detto che il tedesco, per colpa nostra, era morto.

Avete capito bene!

Era tutta una truffa architettata dal PD per bocciare il tedesco dando la responsabilità al M5S e così aprire le porte al Rosatellum: una legge anticostituzionale e antidemocratica.

Questa è la legge che il PD ha sempre voluto, non il Tedesco. La prova? Per il Rosatellum il PD è pronto a tutto: mette la fiducia sulla legge elettorale, come Mussolini sulla legge Acerbo, come sulla Legge Truffa! Cosa non si fa a tre mesi dalle elezioni per il Rosatellum!!! Si viola la Costituzione, il Regolamento della Camera e le buone regole democratiche, mentre i vertici istituzionali si fanno trattare come servi sciocchi.
Alla fine la verità viene sempre a galla e come sempre è una truffa contro i cittadini da parte dei vecchi partiti.

La politica è pensare a cosa lasciamo ai nostri figli e non la ricerca di alibi per non fare nulla

Il Blog delle Stelle

 
La politica è pensare a cosa lasciamo ai nostri figli e non la ricerca di alibi per non fare nulla

Ritornano continuamente, se ne vanno per sempre, ma sono sempre lì. Assomiglia ad un incubo doloso, a volte mi chiedo se per caso ho un microchip infilato da qualche parte, forse mi sveglio fra poco e non è più vero che stiamo combattendo contro due… mi sta sfuggendo, come il residuo di un sogno da mal di stomaco. Vola via dalla mia memoria, come un brutto ricordo trito e ritrito. In un angolo dimenticato resta lì, abbandonata, la parola “verità”.

Ma sì, in fondo siamo tutti affezionati a quel concetto di verità, come nel film “Tutti gli uomini del presidente”, il racconto dell’affare watergate. Nixon aveva fatto spiare i suoi avversari politici in un albergo, il watergate appunto, quello che mancava era giusto arrivare sul pezzo e riferire la verità alla gente, Nixon si dimise nel giro di poco tempo. Storie romantiche, racconti di cavalieri dell’informazione senza macchia e senza paura che corrono, dopo tante lotte, per raggiungere la loro meta: la pubblica opinione.

La verità… Da tanti, troppi anni, si filosofeggia con banalismi soporiferi intorno a questa parola, gli italiani borbottano e allargano le braccia, tanto che messi vicini circonderebbero il globo terracqueo: basta dire quella parola: “verità”, e ci sentiremo rispondere che non esiste. La madre di tutte le bestemmie!
La verità esiste oppure no come è sempre stato ma… appaiono tutti immunizzati da quell’idea, tanto immunizzati da avere generato un alibi di massa: “tanto sono tutti uguali”; è quello che permette a tantissima gente di dissociarsi continuamente dalle cose. Persino da quelle che li riguardano direttamente e dolorosamente: io mi innervosisco con i giornalisti perché ritagliano il mondo come se seguissero una linea di trattini fatta da un grande banchiere. Dicono “nuovi contratti a tempo indeterminato” sapendo benissimo che dopo il massacro dello statuto dei lavoratori il tempo indeterminato non esiste più, non importa come lo chiami. E così vale per la completa amnesia collettiva per i due compagni di merende che dominano le scene di rimpasti e future coalizioni fantasma con cui confondere gli elettori.

I ragazzi, la gente, forse non sa che uno è un evasore doloso, un ex badante della nipote di Mubarack, mentre l’altro uno spergiuro (aveva giurato che, se avesse perso il referendum, sarebbe uscito dalla politica). Ma davvero non lo sanno?

Non ci credo, la gente se ne frega perché ha trovato l’alibi giusto: l’armageddon del qualunquismo finale: “tanto sono tutti uguali”.

Quando mi sento molto imbarazzato per qualcosa, spesso ad esempio mi imbarazza pensare all’immagine dell’Italia all’estero, cosa faccio? Immagino gli altri Paesi, è una sorta di riflesso condizionato causato dalla vergogna: guardarsi un po’ intorno.
Così qual è la consolazione estrema? “sono tutti uguali e quindi non c’è niente da fare!”
Ma chi, davvero, ha tolto la responsabilità verso i figli dalle mani dei padri? La politica è innanzitutto un’assunzione di responsabilità per il futuro dei nostri ragazzi; quando votate per le mischie di pregiudicati che si stanno costituendo nei vari distretti elettorali è il loro futuro che state uccidendo.

Se lasciate che vengano di nuovo cambiate le regole elettorali per far sì che la melma del Paese torni in alto ancora una volta saranno i vostri figli a farne le spese.

E’ un argomento che mi ha sempre lasciato l’amaro in bocca: il debito di Roma (il triplo di quello che fa capo a tutta la Regione Sicilia) è il regalo tossico che i padri hanno lasciato ai loro figli. Per me questo è il vero peccato originale con rinnovo automatico che avvelena il Paese. Avere trovato l’alibi per non interessarsi più della cosa pubblica alla faccia dei vostri figli grazie al tormentone del “sono tutti uguali”; una specie di crimine storico per questa democrazia debole e macilenta.

Vedo i padri come tanti giocatori d’azzardo che prosciugano l’eredità morale, quella culturale ed economica destinata ai loro figli dietro una foglia di fico spregevole: il qualunquismo del giudizio. La ritualizzazione della nenia che non cambia nulla a seconda di chi voti.

Ebbene non è così, e questa scomparsa della morale pubblica non sarà un alibi sufficiente per nessuno quando avremo consegnato tutto nelle mani dei portaborse dei due amici naturali, i due imbroglioni, soltanto per quella scusa puerile. Mentre vi lasciate distrarre dalle loro noiose finte divisioni: fatte di “soggetti politici” che ribollono soltanto nella fantasia dei media, sempre più divisi eppure sempre più uniti nello scopo finale: lasciare tutto come sta, non cambiare neppure la combinazione dei forzieri che contengono la virtù e i valori di questo Paese per il futuro di chi vi seguirà.

Tradire le generazioni a venire oggi ha la forma di lasciarle impantanare nei resti della squallida storia recente, io questo non lo perdonerò al Paese: elettori e giornalisti saranno una cosa sola se non resteranno svegli almeno il giorno delle urne. E’ poco ricordare, come ha fatto DI Maio, che i cittadini avranno la loro parte di responsabilità se nascerà l’ennesima legge elettorale porcata. Perché la verità è ancora più torbida, non lasciare nulla a chi ci seguirà, ai nostri discendenti, è una cosa che non ha nessuna scusante: figuriamoci se basta qualche ritornello di una stampa asservita a servire da salvataggio morale per i padri nei confronti dei figli. Il susseguirsi ininterrotto di governi abusivi, corrotti, inetti ci ha reso immuni dai sintomi della malattia.

Dovremmo provare rabbia, nausea, sconforto di fronte a questa malattia cronica e, invece, abbiamo sviluppato degli anticorpi che, a differenza delle normali patologie, invece di salvarci ci condannano alla morte delle idee e della dignità.

#PacificamenteARoma contro gli inciuci di chi non vuole perdere il potere

Il Blog delle Stelle

 

di MoVimento 5 Stelle

Era il 1923 quando per la prima volta nella storia d’Italia venne apposta la fiducia su una legge elettorale. C’era il Fascismo e si trattava della legge Acerbo, fortemente voluta da Benito Mussolini per assicurare al Partito Nazionale Fascista una solida maggioranza parlamentare. Allora si opposero i deputati dei gruppi socialisti, i comunisti, la sinistra liberale e quei popolari che facevano riferimento a don Sturzo.

Oggi chi sostiene di ispirarsi ai principi della sinistra, invece, non solo accetta questo sistema ma addirittura lo propone. La stessa pseudo-sinistra da palazzo che crede di potersi fregiare di un titolo solo perché inventa una goffa legge per togliere di mezzo i palazzi e le strutture architettoniche costruite nel Ventennio. Sono semplicemente ridicoli e ipocriti. Apologia del fascismo è fare quel che ha fatto il fascismo quasi cento anni fa. Apologia del fascismo è ignorare la volontà popolare, impedendo agli italiani di esprimersi democraticamente.

Con il vomitevole Rosatellum non si potrà più scegliere chi votare con la propria preferenza, si potrà assegnare solo il seggio a coloro i quali sono piazzati in lista dai capi di partito. Questa è una legge voluta non dai partiti, ma da quattro persone che pensano solo alla propria polverosa poltrona, si chiamano Matteo Renzi, Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Angelino Alfano. Sono i polverosi che abbattono la democrazia. Fare questa legge ora significa andare contro alle regole che ci ricordano anche organismi terzi, per cui non si deve cambiare la legge elettorale nei dodici mesi precedenti il voto. A questi quattro delinquenti non interessa affatto.

Nel 1923, quando venne approvata la legge Acerbo ci furono grandi proteste, perché quella legge prevedeva un premio enorme per il partito vincitore. Una legge cucita su misura sul Partito nazionale fascista di Benito Mussolini. Infatti sarebbe servita al Duce per prendere definitivamente il potere. Oggi succede qualcosa di simile: chi detiene il potere per non perderlo si costruisce una legge su misura. Questa è cucita addosso a chi il potere lo detiene ma non vuole perderlo: parliamo di Renzi e Berlusconi, con la complicità di Salvini in primis e di Alfano.

Hanno fatto una legge per se stessi, che non garantisce agli italiani di scegliere chi mandare in Parlamento ma che mette a sistema l’eterno inciucio di quei personaggi che hanno il terrore di perdere il potere. Sono terrorizzati dal MoVimento 5 Stelle, sono terrorizzati dalla democrazia. Noi invece con la democrazia vogliamo fermarli, facendo pressione costante e pacifica in modo tale che i parlamentari di tutti i gruppi rifiutino questa legge e la boccino col loro voto.

Per questo siamo in piazza oggi a Roma e domani, così come continueremo a esserci nei prossimi giorni. E’ importante la presenza di tutti perché con la vostra presenza possiamo fermare questo tentativo di abolire la democrazia nel nostro Paese.

 

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo
Caricando...
Vai alla barra degli strumenti